Murcof presenta “Lost In Time” @ Zo, Catania

0
132

Giovedì 31 gennaio, il primo appuntamento della rassegna “Partiture” 2019” ospita uno dei massimi esponenti della musica elettronica internazionale.
Il compositore messicano Murcof presenta il suo nuovo album “Lost In Time“, progetto audiovisivo in cui la musica di Murcof accompagna le immagini del film omonimo dell’artista canadese Patrick Bernatchez, nel quale, due narrazioni parallele, ambientate tra il ghiaccio e la neve di un paesaggio polare, danno vita ad una sorta di parabola sul tempo.

Murcof è il moniker dell’artista messicano Fernando Corona. La sua musica è scarna, minimalista, elettronica. Le sue composizioni sono basate su percussioni elettroniche astratte, glitch, influenzate dalla musica classica, ambient, drone, musica sintetica, etnica e improvvisazione libera. I ritmi derivano da minimal techno, dub, glitch, musica industriale e IDM, spesso allineati attorno a un battito di 4/4. Dal vivo ha collaborato con musicisti provenienti dai background musicali più vari, come il trombettista jazz ERIK TRUFFAZ, il suonatore di tabla Talvin Singh, il compositore contemporaneo Philippe Petit.

Lost in Time

Nel progetto audiovisivo “Lost in time, la musica del compositore messicano accompagna immagini video in cui si intrecciano due narrazioni parallele: nella prima seguiamo un cavallo e un cavaliere senza volto alla deriva in un paesaggio di ghiaccio e neve, perso nel tempo e nello spazio; la seconda rimanda invece agli esiti di un ipotetico esperimento scientifico. “Lost in Time” ci immerge in un rinnovamento perpetuo, che termina con un nuovo inizio. I protagonisti – due esseri legati da dipendenza reciproca – sono intrappolati in un loop temporale in cui la vita e la morte ruotano senza sosta. A fare da colonna sonora originale, le composizioni di Murcof si fondono con l’aria delle Variazioni Goldberg cantata da Les Petits Chanteurs du Mont-Royal.

Location: Zo Centro Culture Contemporanee – Piazzale Asia 6, Catania
Ingresso: 10€

Comunicato stampa

Comments

comments