Stories and Cities: Tokio

0
283

Richard Pflüger è autore e voce radiofonica. Selezionatore musicale e grande appassionato di club culture sin dall’adolescenza.
Toscano di origine e residente a Berlino da ormai dieci anni, racconta la storia del clubbing e delle persone che hanno legato il proprio nome indissolubilmente alla scena elettronica mondiale.
Stories and Cities e´ il programma radiofonico col quale esordisce quest‘anno sulle frequenze di Controradio ogni venerdí del mese all‘interno del programma Ritmo Radio Show.
Il format narra la nascita e lo sviluppo della musica elettronica e ogni puntata vede come protagonista una citta´ diversa.
Un percorso storico attraverso gli aspetti umani e sociali caratterizzato da una colonna sonora precisa e contestualizzata.
Un viaggio all’interno delle architetture sonore nei luoghi che hanno visto un progresso musicale decisivo.

Tokio

La storia della musica elettronica a Tokyo va di pari passo con lo sviluppo tecnologico che ha visto il Giappone come una delle più grandi potenze economiche mondiali.
L`invenzione del walkman prima e successivamente l` uscita di strumenti come la TB – 303 o TR – 909 hanno di fatto dato al Giappone una sorta di importanza quasi vitale per la scena elettronica mondiale.

La puntata di Tokyo racconta i primi sviluppi in ambito sonoro del grande Maestro Ryuchi Sakamoto che con gli Yellow Magic orchestra aprí le porte ai primi esperimenti musicali.
Una città in cui si costruisce in verticale, ma si scava in profondità e che rispecchia esattamente la proposta musicale dei suoi artisti che possono vantare produzioni anche al di fuori dei confini nipponici. Incredibilmente interessante anche la scena attuale, formata da artisti di indubbia capacità.

La tracklist:
Sottofondo: Hiroshi Yoshimura – Time After Time
Yellow magic orchestra – Tong poo
Ken Ishii- Cocoa mousse
Soichi Terada – I wanna be with you
Soichi Terada – Source of soul
Iori Wakasa – Place In Your Black
Dj Nori – 80s drugs
Dj Nori – Deep down
So iganawa – Selfless state
Sapphire Slows – the edge of my land

Comments

comments