John Digweed & Nick Muir “Versus” (Bedrock)

0
768

La Bedrock non lascia mai per molto tempo i propri fans a mani vuote ed ecco che ci ritroviamo dinanzi all’ennesima uscita, targata, è proprio il caso di dirlo, Bedrock (alias di John Digweed & Nick Muir) con la collaborazione di numerosi artisti, fra cui Jamie Stevens, Christian Smith, Marco Bailey e gli immancabili Guy J ed Henry Saiz.
Questa volta la nuova avventura si chiama “Versus” e riprende la scia di altri album/mixati come Structure o la serie Bedrock, ma si differenzia leggermente da tutti gli altri, in quanto non solo non si tratta di un comune mixato, ma le tracce, create appositamente per questo album, sono tutte realizzate dal suddetto duo con la complicità di vari artisti, facendo percepire profondamente l’anima della Bedrock Records all’ascolto del mixato o dei brani unmixed.
L’album comprende oltre ad un cd mixato e un cd con i singoli, un altro cd con tracce diverse, molto soft, di musica elettronica/indie curate esclusivamente da Digweed & Muir.
La sequenza del mixato (a opera del solo Digweed), si presenta ben curata e di ottimo ascolto, partendo con “Lupine“, che introduce alla parte più strutturata del cd, che fino alla quarta traccia “Morphism” è una sequenza più portata al piacere dell’ascolto che all’energia che può creare la musica stessa.
Dal quinto disco “Prism” insieme a Jamie Stevens, però, il discorso cambia perchè i ritmi puntano più sul dancefloor, con le melodie ed i suoni che perdono un po’ in termini di ricerca ma ne guadagnano molto relativamente all’impatto.
Il mixato continua in crescendo, fino ad arrivare alla sequenza finale davvero energica, con i dischi in coppia con Psycatron e The Japanese Popstars, per poi concludersi con la collaborazione con Guy J: “Heaven Scent” (i più affezionati ricorderanno sicuramente il primo grande successo di Digweed & Muir, che però ha poco a che vedere con questa versione).
Per concludere si può dire che abbandonato ormai da anni il suono progressive, la Bedrock Records si conferma comunque fonte di qualità musicale, più orientata verso altri generi, ma tenendo comunque la melodia e/o i suoni ipnotici alla base delle sue produzioni.

Omar Abdel Karim

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here