Oscar Mulero “Muscle and Mind” (PoleGroup)

0
392

Terzo album per Oscar Mulero, uno dei Dj techno più apprezzati dagli amanti dell’hard sound.
La fortuna di questo artista comincia, dopo una lunga gavetta nei ’90, all’alba del millennio, quando insieme a Paco Osuna e Cristian Varela rappresenta la scena techno spagnola nel mondo.
Persi i compagni di viaggio tra derive minimal e commerciali, Mulero rimane fedele al verbo ma cambia mood incupendosi: asciuga il sound preferendo al vortice percussivo un abissamento in mentalismi paranoici.
Dal punto di vista produttivo invece approda a una dimensione più raffinata a contatto con ambient e IDM.

Muscle and Mind riflette in pieno la doppia anima di Oscar (guarda un po’ anticipato dal Dualistic Concept EP), bilancia l’impeto che si aspetta il pubblico in pista con un approccio più maturo e riflessivo votato alla ricerca.
Notevole inoltre lo sforzo di rendere l’aspetto emotivo, coinvolgendo l’ascoltatore oltre il solito tiro micidiale della cassa in quattro.
I pads salgono solenni facendosi largo tra battiti ciechi, rievocano atmosfere ansiogene da rave anni ’90, quando dietro alla porta di un capannone abbondonato si nascondeva chissà quale mondo.
L’esperienza in cuffia scivola liquida, le note filtrano agili nei tessuti cerebrali alterando le percezioni con beats che paiono soffici, privi di spigoli, ma custodi di una potenza sopita, pronta a deflagare non appena collegati ad un soundsystem. Armonie cicliche, portate avanti da ritmi senza soluzione di continuità, citano diversi sottogeneri techno come facessero parte di un medesimo flusso di coscienza.

Il boss di PoleGroup scava in profondità dentro se stesso, facendo affiorare in superficie un intreccio di pregi e contraddizioni. Riconsidera il ruolo di Dj e produttore, ottenendo in tale veste i risultati più interessanti, ritagliandosi brandelli di tempo tra una gig e l’altra. L’aeroporto sostituisce lo studio. Muscle and Mind è altro, appunto, un riflesso deformato della techno, che vuole essere contemporaneamente motore per gambe e cervello, animare le folle e sondare le anime dei singoli.
Brilla di un’oscurità luminosa mentre cerca un approccio scientifico al misticismo elettronico.
Il disco è disponibile in doppio vinile oppure in doppio cd, versione contenente anche due remix di Stanislav Tolkachev e uno di Shxcxchcxsh.

Federico Spadavecchia

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here