Beats Tips Boutique Vol. 16

0
1089

Mock & Toof – Walking The Streets (Tiny Sticks)
Secondo estratto dall’album Temporary Happiness con due eccellenti mix di Legowelt e DMX Krew. Il primo è un viaggio interstellare alla scoperta di dimensioni lontane, mentre il secondo è un goloso ed acido disco trip cui non mancano visioni sovrannaturali.

Steve Mill feat. Keisher Downie – Nobody (Madhouse)
L’house classica non passerà mai di moda perchè alla fine non c’è niente di più efficace di una voce potente, un synth caldo e una cassa in quattro. Molto buono anche il remix per mano di Jam & Keys, vocal e dub.

Monoblok & PSLKTR – Spooky EP (Meant Records)
Macchine che complottano nell’oscurità per la supremazia su un mondo in preda alla paranoia. Crisi esitenziali curate con la realtà virtuale dei remix di The Hacker, La Dame Noir, e Vosper. Electro oscura e melodie oniriche.

Hohle – Ser Mi Dama EP (Deep Edition Recordings)
Nuova uscita del trio formato da Keiran Clare, Lloyd Lindo e Francis Seaver. I ragazzi di Leeds scivolano sul velluto sfoggiando un elegante sound deep ammiccante a Detroit con Ser Mi Dama e Arcapelago. La release si arricchisce dei remix al primo original firmati Michelle Owen, che si limita a rendere più incisiva la ritmica, e Martijn che invece parte per un viaggio tutto suo sfruttando di più la parte vocale e giocando con un beat di derivazione future garage.

Jori Hulkkonen as Third Culture – Negative Time remixes 1 (My Favorite Robot Records)
Il ritorno di una vecchia conoscenza, l’ex Zyntherius, che dopo aver pubblicato il suo nuovo album dal titolo di trucebaldazziana memoria Negative Time ne da alle stampe la prima infornata di remix. Phonogenic la butta sulla ballata elettracid con Step Aside (con anche la dub version), Tb 303 che invece Fairmont usa per tracciare nuove rotte Pop su Liquid Hologram. Kasper Bjorke accende strobo e mattonelle colorate rimescolando Vile Talk, e Of Norway  nome omen surgela la deeppissima Do It. Chiude il pastoso basso del Sync Mode mix di Technowater.

Crazy P – Remixed (2020 Vision)
Mega pacco di remix per Crazy P a base di stucchevole nu disco come quello di Burnski o quello leggermente più ecstatico firmato Bonar Bradberry. Sarei stato curioso di sentire quello di Appleblim ma era escluso dal sampler, in compenso vi segnalo lo stranamente interessante mix by Wolf + Lamb in cui i Fleetwood Mac si incontrano con Jan Hammer.

Sona Vabos – Four Trax EP  (Southern Fried Records)
Come da titolo: So Good è spacey piano house per girovagare di buon passo per le strade di Londra tra luci, vetrine e belle ragazze. Gli archi servono per sollevare le minigonne. Two Turn Jax gioca con Hammond e Big Fun. Cane Rhythm balbetta esotismi house e Dirty Swing come la precedente ma con le trombe convince di più.

GIRL – Lips Remixes (Seaking)
Mentre delle versioni di Manik e Ezlv non vi ricorderete per più di 5 minuti, sul lavoro di Mario Basanov c’è da ragionare un pò. Dotato di un raffinato gusto Pop tesse una trama soffice con un basso profondo e progressivo in grado di flirtare sia col mainstream che con la nicchia. La forza scorre vigorosa dentro Mario, vedremo se sarà in grado di resistere alle lusinghe del lato oscuro.

Anëk feat. Robert Owens – This World (Chronovision)
Robert Owens è la grande Voce dell’house e fa sempre la differenza, anche quando è spalleggiato da una produzione senza infamia e senza lode come quella di Anëk. Quello che sorprende è che dei tre remixer assoldati soltanto Lee Brinx sfrutta appieno la fortuna che gli è capitata, mentre Veitengruber e Dj W!ld confermano la loro inconsistenza sfornando trax quasi senza voce ma soprattutto senz’anima.

Various Artists – Art Department Social Experiment Sampler (No.19 Music)
Insomniac degli Art Department è Discovery dei Daft Punk con un tiro blues. My Favorite Robot tinteggia in nero ripescando funeree sonorità new wave molto intriganti (Not Progress). Artificial Tears di Gregorythme è una progressione deep psichedelica per non lasciare più la pista.

Wouter De Moor – DX Love (Underbelly Records)
Storie di groove senza soluzione di continuità: Clutter come original e Kris Wadsworth Zombie Surfer su DX Love hanno le marce giuste.

Federico Spadavecchia

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here