Tutto pronto per l’Heart of Noise 2019

0
323

Dal 07 al 09 Giugno 2019 andrà in scena ad Innsbruck in Austria, l’edizione 2019 dell’Heart of Noise festival.

Nel 2019 Heart of Noise si evolve ancora, si muove in avanti elegante come un valzer in un film di Stanley Kubrick. Urla e salta sulle ombre, attraversando come non mai i generi musicali e le atmosfere: black e death, noise e drone, opera e gabber, suoni africani e sperimentazione mitteleuropea, electro-cumbia peruviana e molto altro.
Dopo alcuni anni d’esilio, Heart of Noise 2019 sarà inaugurato nel “Para Noise Garden” la piazzetta di fronte alla Haus der Musik (casa della musica). Il collettivo columbosnext costruirà in collaborazione con gli studenti dello ./studio3 (istituto d’architettura sperimentale presso l’università di Innsbruck) una piattaforma polifunzionale dal nome “Disco Volante” sulla quale si svolgeranno diverse esibizioni musicali. Inoltre si potrà ascoltare l’installazione audio dell’artista ceco Jiří Suchánek (in collaborazione con Magic Carpets/Creative Europe/open.space Innsbruck).

Heart of Noise 2019 – 1° giorno

Dopo l’apertura, all’interno della “Haus der Musik” (casa della musica), verrà messa in scena la prima dell’opera AkthamarII, commissionata da Heart of Noise festival sotto la regia di Ekehardt Rainalter (per ulteriori informazioni vedi sotto). AkthamarII è una riflessione critica sullo stato sociale, lo stato come forma di sovranità, il drammatico ed il post-drammatico, l’individualità ed il sistema. Tutto questo combinato in una performance nella quale si sperimentano e si elaborano nuove forme musicali e nuove possibilità artistiche, là, dove l’opera come genere non è ancora mutata in un genere pop.

In nottata si esibiranno Maria W. Horn e Aja Irlanda, due forti voci femminili nel campo dell’attuale scena sperimentale, prima di chiudere la prima giornata con Karl Lemieux e Michaela Grill, che insieme ala grande maestro Philip Jeck, offriranno un emozionante viaggio a/v che chiuderà la prima giornata.  Nel Disco Volante invece sarà il batterista italiano (di base a Berlino) Andrea Belfi ad aprire le danze su questo stage.

Heart of Noise 2019 – 2° giorno

La seconda giornata inizierà sul tetto più alto della città. Sul “Adlers’ Rooftop” ascolteremo leggendarie registrazioni glamour di dive turche degli anni ’60 e ’70, ritrovate e scelte dalla curatrice polacca Kornelia Binicewicz. Dopo di lei darà il suo meglio il sassofonista Ben Vince. Entrambi sono due artisti che in un certo senso propongono musica familiare e, allo stesso tempo, esplorano nuove dimensioni sonore. Seguono poi le esibizioni di Kara-Lis Coverdale e Maja Osojnik nel Paranoise Garden per poi tuffarsi nuovamente in una serata lunga e intensa.

La seconda serata del festival è dedicata a tre produzioni audiovisive. La leggenda Newyorkese Phill Niblock, che ha realizzato installazioni a/V in tutto il mondo, come ad esempio all’Institute of Contemporary Art di Londra e il Centre Pompidou di Parigi: in collaborazione con Thomas Ankersmit apriranno nuovi spazi sonori e visivi. Dopo di loro Drew McDowall e Floirence To presenteranno la visualizzazione e reinterpretazione dello storico album “Time Machine” dei leggendari Coil. Questa prima parte della serata si completerà con l’esibizione della violoncellista Lucy Railton, per poi passare a Christoph De Babalon e la performance di Gazelle Twin, rientrando così nella fase ritmica in 4/4: Gazelle Twin presenterà il suo ultimo album “Pastoral”.

Heart of Noise 2019 – 3° giorno

Come ogni anno il festival non si concentra solamente sul main-stage, ma offre spettacoli in vari punti della città, come ad esempio la Pema Tower o il Kunstraum Innsbruck: domenica è la volta di un tram (in collaborazione con VVT/IVB), in un percorso che porterà fino a fuori città, accompagnati dalla musica dell’artista georgiana Mika Motskobili aka Vo Ezn (in collaborazione con Magic Carpets/Creative Europe/open.space Innsbruck) e del produttore Viennese Zanshin.

Sulla piazzetta presso il Disco Volante ascolteremo un’ulteriore variazione su batteria ed elettronica con DJ Raph da Nairobi ed il duo G.A.M.S., ovvero Andi Stecher e Guido Möbius.

La terza serata del festival è dedicata alla musica dance aldilà degli stereotipi del settore. Dar Es Salaam e Kampala sono due epicentri di musica euforica e folle, provenienti dalla scena del Chicago Footwork: un collage di frammenti ipermusicali ed elementi musicali tradizionali. Grande protagonista della serata sarà poi l’etichetta Nyege Nyege Tapes (organizzatori anche dell’’omonimo festival in Uganda),rappresentati per l’occasione da Jay Mitta, Bamba Pana e Makaveli, che rappresentano al meglio la nuova scena africana. Si cambierà poi ancora ritmo passando ai peruviani Dengue Dengue Dengue, che con la loro electro- cumbia garantiscono un dancefloor infuocato.

A chiudere il festival un altro progetto italiano come Gabber Eleganza che presenterà il suo The Hakke Show, un dj set a base di hardcore, breakcore e gabber, una performance decontestualizzata e anti- nostalgica, arricchita da diversi ballerini sul palco.
You gotta say Yes to another Excess!

Heart of Noise – Il Cuore del suono

Dal 2011 il festival Heart of Noise è alla ricerca di zone artistiche che vanno oltre all’estetica convenzionale e presenta generi ed impulsi alternativi nell’attuale contesto culturale. Heart of Noise non è un festival esclusivamente di musica, ma è soprattutto uno spazio visibile, ricco di eventi ed interventi che coinvolgono ed interagiscono con lo spazio pubblico urbano della città di Innsbruck. Dall’installazione audio alla sonorizzazione dal vivo di film e materiali visivi, alla fusione con l’arte digitale, la musica e la danza attraverso l’arte performativa: Un’attenzione speciale sarà rivolta ad artisti giovani ed emergenti dando loro una possibilità d’esibizione. Heart of Noise frantuma il concetto convenzionale di musica seria e d’intrattenimento, creando così una zona autonoma temporanea, di emancipazione e di resistenza.

Info: http://www.heartofnoise.at

Comunicato stampa

 

Comments

comments