Seven Trax One Week: La storia di Flussi in sette tracce

0
351

Trystero Theorem: Flussi è uno dei pochi eventi italiani di respiro internazionale che, tra mille difficoltà, riesce ad andare avanti senza mai scendere a compromessi. Anticipatore di trend ma con un taglio sempre coraggioso e sperimentale. In vista dell’ottava edizione in agosto qui sotto sette tracce legate al festival, una per ogni anno.

Mikkel Metal – Hemper (Flussi 2009)

Proveniente dal noise-rock Mikkel Metal pubblica con la Echocord, erede della tradizione tedesca/berlinese di Basic Channel, per poi arrivare a pubblicare un disco con Tikiman su Kompakt e in tempi più recenti su Semantica.

Mokira – Oscillations and Tremolo (Flussi 2010)

Uno dei tanti alter ego di Andreas Tiliander (Lowfour, Svaag, Rechord, TM404, ecc…). La prima release come Mokira risale al 2000 su una Raster-Noton che muoveva i primi passi con un disco seminale per il genere glitch; più tardi approderà su Mille Plateaux (Clicks & Cut series) con la quale riesce ad imporsi a livello internazionale.

Kangding Ray – Anthem (Flussi 2011)

Rumori e micro-rumori, muri di distorsione, linee di basse frequenze, voci e field recordings che si intrecciano in tracce tra techno, noise-pop e dubstep. I suoi lavori sono stati pubblicati da Raster-Noton e da Stroboscopic Artifacts.

Dopplereffekt – Non Vanishing Harmonic Spinor (Flussi 2012)

Dopplereffekt è uno dei tanti progetti di Gerald Donald, artista afro-americano dietro ad altri progetti musicali (quali Heinrich Müller, Glass Domain, Der Zyklus, Japanese Telecom, Arpanet, Abstract Thought, Elektroids nonché i mitici Drexciya con l’ormai scomparso James Stinson), con cui spazia dalla electro di Detroit, passando per sonorotà industrial, new wave, electro-pop e dark ambient.

Raime – The Last Foundry (Flussi 2013)

I Raime (Joe Andrews e Tom Halstead) rilasciano il loro album di debutto “Quarter Turns Over A Living Line” sulla londinese Blackest Ever Black nel 2012 imponendo da subito la loro personalissima e innovativa estetica oscura. Negli anni successivi i loro live e il loro suoni detteranno una vera e propria nuova linea estetica che sarà battuta in seguito da tanti altri

Demdike Stare – Procrastination (Flussi 2014)

Il progetto Demdike Star nasce dalal collaborazione tra Sean Canty e Miles Whittaker, portatori di un sound che spazia tra elementi drone ed ambient, intrecciati con un’incredibile forza evocativa fatta di paesaggi sonori tetri ben lontani da compiacimenti e hype. Nel 2009 il primo lavoro per la Modern Love che rimane finora la loro casa made.

Retina.it – Logos (Flussi 2015)

Retina.it sono un po’ la storia stessa di Flussi. La strada del duo campano, per il quale ogni presentazione sarebbe inutile e riduttiva, si intreccia e si incontra in più punti con la storia del festival con cui sin dalla prima edizione collaborano con diversi progetti (le collaborazioni con il Conservatorio, le risonorizzazioni di cinema muto, i workshop e altre ancora). Dopo i loro lavori rilasciati su Hefty Records, Storung, e tante altre label di spicco il 2015 è l’anno in cui i Retina.it ritornano alla carica con due 12’’ su Semantica Records (uno in coppia con Donato Dozzy), non si poteva non chiudere con una loro traccia.

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here