Plunge presenta: Lawrence English e Matteo Uggeri @ Macao

0
692

Giovedì 8 ottobre il musicista e media artist australiano Lawrence English e il sound artist milanese Matteo Uggeri saranno protagonisti del “warm up” di Plunge, in un evento one-shot che abbraccia in maniera ampia uno degli spettri sonori su cui l’impegno del progetto verterà maggiormente: la ricerca atmosferica. English presenterà “Wilderness Of Mirrors”, suo ultimo e acclamato lavoro ispirato dalla frustrazione verso l’attuale situazione politico-sociale australiana, sentimento che l’artista ha ritrovato nei versi di “Gerontion” di T.S. Eliot, da cui proviene il titolo. La “selva di specchi” ha suggerito poi le parole chiave del sound: rifrazione, riverbero, feedback. Tradotte dall’artista in un concentrato di armonie sintetiche, frammenti di suoni organici e stratificazioni drone che fa dell’impatto emotivo e interiore il proprio fine principale.

In apertura andrà in scena il live di Matteo Uggeri, da quasi vent’anni protagonista indiscusso dell’undeground elettronico italiano e milanese. L’evento avrà luogo nell’ex macello di Macao, location che rappresenta una delle più efficaci testimonianze architettoniche della decadenza urbana della metropoli, il cui maestoso passato permane ad un livello sottocutaneo nel presente vitale e poliedrico del luogo. Un contrasto che si sposa perfettamente con la scala di grigi che Uggeri ha esplorato lungo l’arco della sua avventura. L’esperienza culturale che vive al suo interno condivide la sua origine “reattiva” con l’ispirazione di English per il suo ultimo lavoro. Location e suono tendono così a completarsi a vicenda, e il primo trova nella seconda un’autentica dimora e non un mero contenitore.

Gli artisti:

Lawrence English (AUS) // (ambient, drone, field recordings, soundscaping)
Artista prolifico ed instancabile, Lawrence English è protagonista da anni di un percorso vario ed eclettico, che lo ha portato a indagare concetti e dinamiche come la memoria, la percezione, l’impatto del suono sulle interazioni fra esseri viventi, lo spazio, la relatività e le relazioni tra interiorità ed esteriorità, senza mai perdere di vista l’attenzione per l’essenza del suono stesso. In ambito artistico, ha lavorato come curatore di mostre, installazioni e festival e realizzato installazioni in vari paesi europei, negli USA, in Giappone, in Australia e in Nuova Zelanda. In ambito sonoro ha dato vita ad un percorso discografico in costante equilibrio fra poetica ambientale e soundscaping, attraverso la coltivazione dell’arte del field recordings. Nel 2002 ha fondato Room40, etichetta discografica di cui tutt’oggi si occupa assieme a John Chantler, divenuta nel tempo un punto di riferimento nel mondo della musica atmosferica. Ha inciso, fra le altre, per label del calibro di 12k, Baskaru e LINE, e collaborato con artisti come Grouper, Ben Frost, Francisco López, Werner Dafeldecker e Alberto Boccardi.  https://lawrenceenglish.bandcamp.com/

Matteo Uggeri (I) // (field recordings, soundscaping, noise, post-industrial)
Matteo Uggeri è uno dei più longevi protagonisti del sottobosco sperimentale milanese. Il suo curriculum spazia fra una miriade di sfumature legate alla ricerca elettronica, dando forma ad un percorso evolutivo eterogeneo. Dagli esordi tra no-wave e dadaismo post-industriale con i Norm alle mutazioni noise in collaborazione con il guru Maurizio Bianchi, fino al suo approdo al prospettivismo ambientale e all’arte del soundscape in progetti come Sparkle In Grey e nei suoi lavori da solista, Uggeri ha costantemente aggiornato le coordinate del suo percorso, riassumibile in una parabola che dall’astratto ha mirato sempre più a luoghi sonori definiti e intellegibili. Sua attività parallela è la gestione di Grey Sparkle, etichetta discografica da lui fondata nel 2004 che rappresenta oggi una delle realtà italiane più attive e blasonate nell’ambito della sound art e della ricerca elettronica. https://matteouggeri.bandcamp.com/

Location: Macao – Viale Molise 68, Milano
Ingresso: sottoscrizione consigliata: 5 euro

Comunicato stampa

.

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here