Addictive Tv & Frank Sent Us: Musica da Vedere

0
1292

L’interazione audio/video, il concetto di film remix e di sample provenienti da pellicole cult, usati sia come campioni audio sia video nella costruzione di un live set, è una delle più interessanti e relativamente recenti diramazioni delle live performance di musica elettronica.
Frequencies
ha riunito in una intervista doppia virtuale gli inglesi Addictive Tv, capostipiti del genere e indiscussi re di questa forma artistica, e gli italiani Frank Sent Us, gruppo romano che ha recepito le suggestioni del duo inglese rielaborandole in un progetto di grandissimo spessore.

Com’è nata l’idea di un progetto che lavora sull’A/V e quali erano i primi punti fermi dell’idea?

ATV GRAHAM: Nei tardi 90 ho fatto il vj per alcuni djset, ma fin da subito volevo provare a sperimentare il remix di film interi, con campioni sia audio che video. La prima grande tappa è stata quando nel 2006 New Line Cinema – lo studio dietro The Lord of the Rings –dopo aver visto il nostro remix di The Italian Job ci ha chiesto di lavorare su Take the Lead, pellicola con Antonio Banderas in uscita in quel periodo, per aiutare e diversificare la promozione.
Da lì in poi sono arrivati simili lavori su film come Iron Man, Fast & Furious e altri. Ovviamente siamo legati al lavoro che ha dato inizio al tutto e, specialmente in Italia, suoniamo sempre The Italian Job!
ATV MARK: Inoltre anche se ci stiamo lavorando da tanti anni, per la musica elettronica stiamo ancora sviluppando nella sua completezza il linguaggio A/V, sperimentando nuove idee. Di recente abbiamo creato un remix per la popolare serie TV Vikings in occasione del suo lancio europeo, ed è una grande soddisfazione essere chiamati da vari studios a lavorare su tanti film e serie. Ci pare strano che tanti non vedano ancora il link tra il lavoro audio video e la sua applicazione alla musica elettronica.
FRANK SENT US: L’idea viene dalla voglia di introdurre un nuovo strumento sul palco: il video.
Il punto fermo dell’idea era quello di rendere effettivamente il video il vero frontman della nostra band nelle sue esibizioni on stage.

Quali aspetti si sono evoluti di più, cos’è cambiato nella forma tra il progetto iniziale e lo sviluppo ad oggi?

ATV MARK: Il più grande salto  degli ultimi due anni è stato nel set up, siamo passati da esibirci usando i Pioneer DVJs ed un mixer customizzato a lavorare live con due Mac laptop.  Abbiamo anche voluto combinare l’idea di film remixing e mash-up, che è il genere da cui provengo come Dj col mio progetto Go Home Productions. La mescola tra Robot Rock dei Daft Punk, Robots dei Kraftwerk e i film del ciclo Transformers ne è un esempio.
ATV GRAHAM: Si il nuovo set up è stato elaborato dai fantastici.software designer olandesi Resolume insieme alla Native Instruments per cui facciamo spesso dei beta testing di software.
Un altro lavoro differente che ora portiamo avanti è il progetto Orchestra of Samples, musicalmente più down tempo e realizzato filmando live e campionando i musicisti di tante parti del mondo. Inoltre ora ci capita di suonare insieme a dei musicisti live on stage, creando un ibrido tra dj set e live show, e spostando in avanti i confini dell’AV show.
FRANK SENT US: Il progetto si è evoluto ed è cambiato tantissimo perché la tecnologia ti viene incontro e ti permette di fare cose difficilmente realizzabili solo qualche anno fa.

Quali sono le ultime evoluzioni portate a termine e cosa bolle in pentola?

ATV GRAHAM: Il nostro ultimo lavoro è appunto Orchestra of Samples. L’idea era quella di lavorare con tanti musicisti di diverse parti del mondo, un progetto che sarebbe stato difficile nella sua resa convenzionale, fisicamente, ma possibile nel mondo dell’AV sampling.
Avendo la fortuna di essere sempre in tour, l’idea si è evoluta filmando artisti delle varie zone in cui ci esibivamo, e siamo arrivati ad avere un archivio di oltre cento musicisti di tutto il mondo, dal Senegal al Brasile e poi Messico, Giappone, Tunisia, Egitto, Israele, Kazakistan e tanti musicisti europei, Italia inclusa.
ATV MARK: Trovo affascinante lavorare su questa ultima idea, essendo io anche un chitarrista mi ha davvero aperto gli occhi su combinazioni impensabili di suoni e stili che si  riescono a creare.
Ad inizio show lasciamo sullo schermo la frase di Brian Eno “I wanted to hear music that had not yet happened, by putting together things that suggested a new thing, which did not yet exist”, molto in linea con quello che abbiamo portato avanti.
Il progetto per ora ha avuto solo quattro primissime uscite live, e lo porteremo a quest’estate anche a Glastonbury.
ATV GRAHAM: Sto seguendo anche il progetto di una nuova venue in costruzione in Francia.
Creeremo sample riguardanti immagini e suoni della costruzione del luogo, filmeremo molteplici artisti delle zona, pensando a un remix che racconti quello che accadrà nel luogo appena sorto, per cui accosteremo chitarre heavy metal a rapper a percussionisti di world music, per anticipare la varietà della programmazione. E’ un progetto molto stimolante.
ATV MARK: Abbiamo anche ricevuto la richiesta di Greenpeace di creare un remix sulla storia della nave Arctic Sunrise che la Russia ha bloccato arrestandone l’equipaggio a fine 2013, un altro progetto cui teniamo molto.
FRANK SENT US: Al momento ci stiamo concentrando su alcune collaborazioni e su come portarle sul palco in maniera virtuale, non è sempre semplice per noi mettere in pratica una collaborazione visto che la parte audiovisiva pretende molto, quindi ci siamo chiusi nello studio e speriamo di farvi vedere qualcosa a breve!

Conoscete Frank Sent Us (conoscete Addictive tv)?

ATV MARK: Si li conosciamo da tanti anni, abbiamo suonato insieme molte volte in Italia e sono stati sempre nostri supporter, sempre presenti quando possibile quando ci esibiamo a Roma.
ATV GRAHAM: Suoneremo entrambe all’ I-Music Festival a Roma il 13 giugno, e stiamo pensando di dividere concretamente il palco con i FRANK SENT US a suonare su alcuni dei pezzi di Orchestra of Sample per un altro festival, sempre a Roma a fine anno, sarebbe bello riuscire a collaborare dal vivo con i ragazzi!
FRANK SENT US: Certamente! Non potrebbe essere altrimenti, gli ADDICTIVE TV sono i padrini di questo linguaggio e senza di loro non ci sarebbero progetti come il nostro!

Cannibal Se-lecter

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here