Tutto pronto per la terza edizione di LOST Music Festival

0
442

Trentadue artisti da 17 paesi, alcuni tra i più interessanti protagonisti della ricerca musicale globale si daranno appuntamento per la terza terza edizione di LOST (Labyrinth Original Sound Track) Music Festival, l’evento internazionale dedicato all’esplorazione delle più interessanti espressioni del contemporaneo in ambito musicale, che torna al Labirinto della Masone di Fontanellato (Parma) da venerdì 30 giugno a domenica 2 luglio 2023.

Tra gli highlights di questa terza edizione, l’avant-pop di Lucinda Chua, cantante e polistrumentista londinese di origini cinesi, fresca di uscita sulla prestigiosa label inglese 4AD Records (Holly Herndon, The National, Big Thief), in prima italiana con il suo nuovo live in formazione “classica” che la vede impegnata al violoncello; il dj set A/V in solo del nippo-canadese Doon Kanda, storico collaboratore di Arca, ma anche Björk e FKA Twigs, oggi apprezzato producer per l’etichetta di culto Hyperdub, fondata da Kode9 (unica data italiana); il live della giapponese Hatis Noit, prodotta da Erased Tapes e già collaboratrice di The Bug, che vanta tra i suoi ammiratori personaggi del calibro di David Lynch, William Basinski e Rick Rubin; la prima italiana di Gabber Modus Operandi, duo di riferimento dell’effervescente scena indonesiana, con la sua folle miscela di Gamelan (musica tradizionale balinese), punk e elettronica; l’inedito live made in UK che vede affiancati il maestro della dub Kevin Martin, aka The Bug, e Flowdan, tra i pionieri del grime, fresco di collaborazione con Skrillex e Fred Again; la producer svizzera di origini nepalesi Aïsha Devi, co-fondatrice dell’etichetta-collettivo Danse Noire e maestra della tecnica vocale, tra gli ospiti più ricercati dai più importanti festival europei e dai principali centri dedicati al contemporaneo in tutto il mondo (dal Barbican Centre di Londra al The Broad di Los Angeles); l’artista peruviana Daniela Lalita, partner storica di Amnesia Scanner, per la prima volta in assoluto nel nostro paese per presentare il suo progetto solista in uscita per Young (già Young Turks, che annovera tra gli altri FKA twigs, Jamie xx e Sampha) con uno show in esclusiva italiana che prevede una scenografia costruita appositamente per l’occasione; la special ambient performance firmata dall’americana Lyra Pramuk, progetto site-specific ambientato all’interno del dedalo del Labirinto; il live della francese Malibu, tra i nuovi protagonisti della scena ambient, nel roster dell’iconica etichetta newyorkese UNO (Arca, Mykki Blanco); il cut’n’paste sperimentale dell’inglese Voice Actor, autrice di uno degli esordi più acclamati del 2022, per la prima volta in Italia con il nuovo live; le travolgenti ibridazioni tra percussioni mediorientali e elettronica firmate dal duo turco-egiziano ABADIR & Hogir, altra prima nazionale a LOST; il debutto italiano di Yousuke Yukimatsu, attivissimo Dj giapponese punta di diamante della pulsante scena underground asiatica. E ancora, la producer messicana Vica Pacheco, che dopo il trasferimento in Belgio si è dedicata all’approfondimento dell’utilizzo musicale di utensili in ceramica tipici della tradizione Messicana; l’americano Dj Python, con un set tra chillout e deep reggaeton ambientato tra i corridoi di bambù gigante, e il dj set mozzafiato degli inglesi Giant Swan.

Tra i ritorni da segnalare gli italiani Heith, che presenta in forma completa il suo ipnotico live A/V (proposto in preview nel 2022) e Gabber Eleganza, autore di un vulcanico dj set, tra le performance più apprezzate della scorsa edizione del festival.

Musica, performance e installazioni torneranno ad animare gli spazi della Fondazione, trasformando la foresta di bambù, in un’installazione di suoni, luci e natura capace di preparare lo spettatore all’esperienza di ascolto che lo attende al suo interno, per un viaggio oltre la barriera che separa realtà e sconosciuto, tra simbologie esoteriche, magia e misticismo, che intende dare vita a un racconto polifonico capace di congiungere ricerca e arte in un’esperienza evocativa e misteriosa: LOST è un invito allo spettatore a lasciarsi sorprendere e disorientare fino a perdersi completamente, un’esplorazione potente – per usare le parole del fondatore del Labirinto della Masone – di “tutto ciò che risiede ai margini della norma”.

In quest’ottica, ad affiancare la programmazione musicale del festival ci sarà quest’anno una sezione di eventi “extra” fuori formato, che sabato 1 luglio arricchirà la proposta della terza edizione di LOST con il progetto speciale Ultravioletto, curato da Ruben Spini – artista multimediale, creatore dei visual per gli show di Caterina Barbieri – che prenderà la forma di un vero e proprio take-over della collezione del Museo del Labirinto, prima attraverso un’installazione site-specific e poi con una lettura performativa di alcuni tra i più preziosi testi conservati nella Biblioteca di Franco Maria Ricci; domenica 2 luglio sarà invece la volta della performance S.M.S.3 (SASSO MORTE SCOLOPENDR3) di Sant3 Molest3, collettivo interdisciplinare milanese che lavora sulla contaminazione tra fiber e performing art), e dell’azione sonora in tre tappe firmata da Enrico Malatesta (PERCUSSION), Glauco Salvo (Field Studies) e Giovanni Lami, una coinvolgente sound performance realizzata ad hoc lungo i sentieri che collegano il Labirinto all’Oasi verde, collocata alle spalle del dedalo.

Tra le novità di quest’anno, l’ampliamento dell’area coinvolta dal festival porterà al coinvolgimento di nuove aree della struttura, con la presenza di un nuovo palco dedicato all’interno del dedalo del Labirinto. Sarà inoltre rinnovata e implementata l’area del camping gratuito attrezzato adiacente all’area concerti, realizzata nel pieno rispetto del prezioso biotopo naturale che circonda la struttura: l’attenzione alla sostenibilità è infatti da sempre tra le caratteristiche salienti del festival, come dimostra la conferma delle partnership con Legambiente e Emiliambiente. Il camping, posto a fianco del labirinto di bambù, sarà facilmente raggiungibile a piedi dai palchi e a poca distanza dall’Oasi: una passeggiata nell’Oasi consentirà di immergersi appieno in LOST e di vivere ancora meglio lo spirito del luogo in uno spazio in cui riposo, riflessione e musica possono convivere e integrarsi.

Il programma

VENERDÌ 30 GIUGNO
Giant Swan (UK) dj set
Heith (IT) live A/V – italian première
Lucinda Chua (UK) live – italian première
The Bug featuring Flowdan (UK) live
Yousuke Yukimatsu (JP) dj set – italian debu

SABATO 1 LUGLIO
ABADIR & Hogir (TR/EG) live – italian première
Aïsha Devi (CH) live
Alto Fuero (BE) live – Italian debut
Daniela Lalita (PE/US) live – debut italian exclusive
Doon Kanda (JP/CA) dj set A/V – debut exclusive
Gabber Eleganza (IT) dj set
Gabber Modus Operandi (ID) live – italian première
Hatis Noit (JP) live
Lyra Pramuk (US) special ambient performance
Malibu (FR) live
ML Buch (DK) live – italian debut
Reptilian Expo (IT) dj set
Slim Soldedad (BR) dj set
Spiritual Sauna (IT) dj set
Vica Pacheco (MX) live – italian premièr

DOMENICA 2 LUGLIO
Aitch (IT) dj set
Dinamarca (SE/CL) dj set
Dj Python (US) dj set
Francesca Heart (IT) live
Loke Rahbek & Frederik Valentin (DK) live
Vipra (IT) dj set
VISIO (IT) live
Voice Actor (UK) live – italian debut
***Special Dj set TBA

Per info: www.lostmusicfestival.com

Comunicato stampa