Torna Inner_Spaces, la rassegna di musica strumentale ed elettronica

0
2319

Dal 20 febbraio al 15 maggio all’Auditorium San Fedele torna Inner_Spaces, la rassegna milanese di musica elettronica e arti audiovisive punto di riferimento per la sperimentazione e la ricerca interdisciplinare. Il programma primaverile di Inner_Spaces, intitolato “echi di speranza”, cerca di far fronte a un momento storico pieno di elementi drammatici attraverso una proposta che intreccia in modo più serrato musica strumentale e musica elettronica o con live electronics, in un confronto della più recente generazione con autori del grande repertorio, quali Arvo Pärt e Olivier Messiaen, che in molti casi costituiscono un riferimento imprescindibile delle nuove leve dell’arte dei suoni.

Cinque appuntamenti (più uno, tba) accomunati dalla tematica della speranza “perché – racconta il curatore della rassegna padre Antonio Pileggi – c’è bisogno, mai come adesso, di intravedere una fiammella, seppur tremolante, che risplenda su un orizzonte cupo, cosmico e storico”. Secondo Pileggi “per il suo modo di procedere con echi in espansione, la musica strumentale ed elettronica ha il potere di alimentare l’attesa speranzosa in una nuova alba”.

In questa edizione sono quindi affiancate, in una relazione a cori alterni, da un lato le sonorità maestose, avvincenti, multiformi della musica elettronica di Kali MaloneLoscilAbul Mogard e Thomas Ankersmit, che mescolano frequenze armoniche e aggregati disarmonici, timbri colorati e diafani, suoni di sintesi e registrazioni sul campo, superfici ombreggiate e sprazzi di chiarore, forme continuative e processi dialettici; dall’altro scorci di musica strumentale dal vivo o con live electronics, di carattere monografico: Arvo PärtOlivier MessiaenFélicia AtkinsonLukas LauermannLiszt-Zago. Strumenti ed elettronica, come germogli, fioriture e sbocci primaverili, in una prospettiva risonante di echi di speranza.

Al cuore della rassegna, il 27 marzo nella Chiesa di San Fedele, in collaborazione con la Fondazione Carlo Maria Martini, una drammatizzazione musicale della Via Crucis con testi del Cardinal Martini scritti per il Centro San Fedele nel 2010. Musiche tratte dalle Passioni di J.S. Bach si alterneranno con brani di Liszt, tra strumenti antichi, quartetto vocale, voce recitante, chitarra elettrica e transizioni di musica elettronica. Una sintesi musicale per rappresentare il mistero della morte e risurrezione di Gesù, centro e fonte della speranza cristiana.

Il programma

#1 lunedì 20 febbraio
Auditorium San Fedele, ore 21.00
Lukas Lauermann – live set, violoncello ed elettronica
Loscil – live set audiovisivo
Biglietti 12€ / 9€ studenti
In collaborazione con Forum austriaco di cultura

#2 lunedì 13 marzo
Auditorium San Fedele, ore 21.00
Arvo Pärt
– Spiegel im Spiegel, per violino e pianoforte
– Variationen zur Gesundung von Arinuschka, per pianoforte
– Passacaille, per violino e pianoforte
– Für Alina, per pianoforte
– Fratres, per violino e pianoforte
Francesco D’Orazio violino, Alfonso Alberti, pianoforte
Abul Mogard – Live set
Biglietti 12€ / 9€ studenti

#3 lunedì 27 marzo
Chiesa di San Fedele, ore 21.00
VIA CRUCIS
Drammatizzazione musicale su testi di Carlo Maria Martini
Il canto di Orfeo
direttore Gianluca Capuano
Francesco Zago chitarra elettrica
musiche di J.S. Bach e Franz Liszt
Ingresso libero fino a esaurimento posti
in collaborazione con la Fondazione Carlo Maria Martini
con il sostegno di Fondazione Cariplo

#4 lunedì 17 aprile
Auditorium San Fedele, ore 21.00
Olivier Messiaen
Alessandro La Ciacera, organo
Kali Malone – live set in ottofonia
Biglietti 15€ / 11€ studenti

#5 lunedì 15 maggio
Auditorium San Fedele, ore 21.00
Thomas Ankersmit – live set con il sintetizzatore modulare Serge
Félicia Atkinson – live set con strumenti elettrici ed acustici, voce e live electronics
Biglietti 12€ / 9€ studenti

Comunicato stampa

.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here