Al Via Alfa MiTo Club To Club 2013

0
1096

#C2C13 è la tredicesima edizione di Alfa MiTo Club To Club, il festival internazionale di musica, arte e cultura elettronica più importante d’Italia: in un momento di intenso cambiamento sia economico che generazionale, la formula innovativa di Alfa MiTo Club To Club, capace di “gemellare” avanguardia e vocazione pop, musica ed arte, ha portato il festival ad una crescita internazionale e nazionale costante, culminata lo scorso anno con l’affluenza record di 30.000 partecipanti.
L’appuntamento quest’anno è a Torino dal 7 al 10 novembre 2013, in una settimana clou per l’arte contemporanea (negli stessi giorni di ARTissima e Luci D’Artista), con una delle edizioni più attese e significative della storia del festival.
Il tema del 2013 di Alfa MiTo Club To Club è TWINS! a simboleggiare il gemellaggio che lega idealmente Torino alle altre città in cui il festival si muoverà – a partire da Londra, dove si è tenuta la preview europea con Diamond Version e Niños du Brasil – insieme alla capacità di creare una community autentica tra tutti gli artisti che vi prenderanno parte, oltre ai festival gemelli di questa edizione che ne condividono da sempre l’attitudine e l’ispirazione (tra essi spicca il prestigioso MUTEK, network globale dedicato alla cultura elettronica con base a Montreal).
12 esclusive italiane, 1 esclusiva europea, 4 première assolute, oltre 35 artisti da tutto il mondo (Stati Uniti, Gran Bretagna, Russia, Germania, Norvegia, Spagna, Italia) per rappresentare al meglio il mix di creatività e musica che ha fatto di Alfa MiTo Club To Club uno degli eventi più seguiti in Europa.
Già annunciati i primi 26 protagonisti della line-up di #C2C13, che vede tra i suoi protagonisti alcuni dei più acclamati e visionari musicisti internazionali, come l’eclettico Four Tet, che dopo i remix confezionati per artisti come Radiohead, The xx e Justin Timberlake ha un nuovo album in uscita; il guru della psichedelia elettronica James Holden, reduce dalla pubblicazione dell’acclamato The Inheritors; l’onirico Jon Hopkins, che presenterà lo splendido recente album Immunity; i rumoristi Fuck Buttons – autori della colonna sonora per l’inaugurazione delle Olimpiadi di Londra dello scorso anno  – o ancora i tedeschi Modeselektor con il loro bollente dj set.
Naturalmente non mancheranno alcuni dei nomi più “caldi” e innovativi nella scena dell’odierna musica da club: ad esempio Todd Terje, vero e proprio eroe della nu-disco norvegese, oppure il bristoliano Julio Bashmore, fra i più lucidi nel realizzare una sintesi fra house music e cultura UK Bass, il catalano John Talabot, che in quest’occasione presenterà il suo dj set degli originali sapori balearici.
E poi una nutrita pattuglia di cultori delle innumerevoli declinazioni del verbo dub: da un maestro e veterano del genere come Adrian Sherwood, qui nel progetto che lo vede in duo con Pinch, a un quotatissimo dj inglese come Ben UFO, passando per la personalissima miscela sonora di Machinedrum, il crossover tech-jungle di Lee Gamble e la cifra wave-disco dei Factory Floor.
A condividere il palco con tutti questi artisti, alcune delle promesse più importanti della scena contemporanea (Nina Kraviz, Rustie, Koreless, Kyle Hall, Objekt), a conferma del prestigio della manifestazione oltre che della sua vocazione naturale allo scouting.
Molti i protagonisti di #C2C13 che si muovono con disinvoltura al confine tra musica e arte contemporanea, dalla video art alla performance, mescolandone l’ispirazione e le componenti: l’eccezionale Dinos Chapman, i Niños du Brasil di Nico Vascellari, i Diamond Version di Carsten Nicolai (aka Alva Noto), Andy Stott, Forest Swords, The Haxan Cloak, Holly Herndon.
Quattro giorni e quattro notti di spettacolo e suoni no-stop, che si snoderanno all’interno di location eterogenee e suggestive in tutta la città di Torino: il centro d’arte contemporanea Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il barocco Teatro Carignano, gli ambienti post-industriali di Cantieri OGR – Officine Grandi Riparazioni, Lingotto Fiere e il Mirafiori Motor Village, l’ex scuola elementare sede dello storico Hiroshima Mon Amour.
Ad impreziosire il ricchissimo programma del festival A Great Symphony for Torino, un nuovo progetto speciale realizzato per #C2C13 e British Council – in occasione di Contemporary Arts Torino-Piemonte, Luci d’Artista e ARTissima – da uno dei più importanti musicisti e produttori contemporanei, Kode9 (fondatore dell’etichetta Hyperdub e scopritore di artisti del calibro di Burial). Sotto la sua direzione artistica, alcuni giovani talenti della scena locale realizzeranno una nuova colonna sonora della città in alcuni dei più interessanti luoghi storici e contemporanei di Torino (Stazione Porta Susa, Piazza Palazzo Di Città, Piazza Carignano, Monte Dei Cappuccini, Passerella Olimpica, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Cantieri OGR): sarà possibile per tutti ascoltare i brani composti per l’occasione nei giorni di Alfa MiTo Club To Club, semplicemente fotografando con smartphone o tablet i QR Code disposti nei luoghi interessati dal progetto.
Tre le preview che anticipano l’edizione di quest’anno. Dopo la straordinaria partecipazione di giovedì 5 settembre ai Cantieri OGR di Torino con Mount Kimbie, preview europea di #C2C13 il 19 settembre a Londra al Village Underground, nel cuore dell’effervescente quartiere di Shoreditch, con Diamond Version, Niños du Brasil, Alessio Natalizia e Giorgio Valletta, prima dell’ultima anteprima italiana il 2 novembre a Milano alle ex C.G.D. – Compagnia Generale del Disco, tempio dell’industria musicale nazionale.

Comunicato Stampa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here