ELEVATE 2022: l’era della transizione

0
179

Ritorna Elevate Festival a Graz, dal 13 al 17 di luglio.
Una rassegna che abbiamo spesso seguito per Frequencies e che anche quest’anno propone uno spettro davvero ampio di act interessanti, così come diverse installazioni artistiche e, come di consueto, un programma di conferenze panel e artist talk dal sapore più culturale e politico, che rendono le cinque giornate di luglio nella città stiriana davvero interessanti sotto diversi punti di vista.
Come a ogni edizione c’è un tema di fondo, che fa da filo conduttore alla manifestazione; per il 2022 è Transition, che si declina nello statement esplicativo del sito del festival:

From the global pandemic to the war in Eastern Europe and the increasingly blurred lines between libertarian and authoritarian – Change is happening. Where these transitions are leading and what they mean will be discussed this year by an exciting potpourri of speakers from the dazzling spectrum between art, theory and activism.

La densa lista di appuntamenti si dipana da mercoledì 13 a domenica 17 in diverse location della città : Lesliehof, Dom Im Berg, Parkhouse, Postagarage, Orpheum e la novità open-air Orangerie.
Seguendo lo scorrere della line up musicale segnaliamo Sophia Kennedy il 13, il live A/V  di Caterina Barbieri di giovedì 14, giornata in cui si esibiranno anche Yushh e Bill B. Wintermute.
Il 15, venerdì, ancora un bel viaggio sonoro tra artisti molto differenti: i concerti di Anika e dei leggendari FaUSt, l’hip hop scardina convenzioni di Alyona Alyona, l’energia bass fueled di Catnapp, un peso massimo del drum and bass come Dillinja, l’interessantissimo sound di Skee Mask e ancora Zoe Mc Pherson o il talento austriaco Cid Rim.
Sabato 16 altra giornata campale, con l’autorità detroitiana DJ Stingray 313,  ma anche Palms Trax, Chloe Robinson, Mun Sing, Crystallmess e i live techno industrial dell’irlandese Aja e quello della iconica riot singer canadese Peaches.
Si chiude domenica 17, con il daytime party fin da mezzogiorno (Attila, Sucre Sucre, Lippelis...)
e l’atteso (scelta sorprendente ma non per chi conosce la grande poliedricità del festival) concerto finale dei Brian Jonestown Massacre, aperto dagli austriaci Jigsaw Beggars.

Per maggiori info vi rinviamo al sito www.elevate.at, ci si vede in Stiria!

Redazione

Comments

comments