Seven Trax One Week: The Essence of Harthouse Records

0
424

Federico Spadavecchia: Se c’è una caratteristica straordinaria da riconoscere a Sven Vath è l’aver avuto la capacità di fiutare il momento giusto per oltre vent’anni di fila, imponendo la moda del momento senza eccessivi sforzi apparenti se non mostrare al pubblico la sua visione della musica.
La storia del biondo di Francoforte ormai è di dominio pubblico: gli inizi come Dj nel locale dei genitori, la fuga a Ibiza a 16 anni, le hit pop insieme agli OFF, le folli notti al Dorian Gray e all’Omen, l’apertura della prima etichetta nel ’90, la Eye Q.
Nel 1992 sentendo l’esigenza di rilasciare un sound maggiormente underground che rappresentasse al meglio la ricca scena cittadina decise di creare una sublabel che avrebbe gestito di persona:

We wanted to create a stage, a playground – even an experimental one – and I think we quite succeeded.” In the beginning Harthouse defined a sound that today is well known as the “Sound Of Frankfurt”, a harder but danceable version of “Trance” – “Hardhouse” or “Harthouse“.

Scelto Ralf Hildenbeutel come responsabile della produzione, Sven gettò le basi di un impero che, sebbene con sembianze e dimensioni diverse, dura tutt’oggi. Nel 1997 fu ancora una volta l’istinto a salvarlo, abbandonò infatti il progetto e Harthouse poco tempo dopo fu dichiarata insolvente.
Negli anni di maggior splendore sono stati moltissimi gli artisti che hanno collaborato portando il tipico sound hardtrance dalla cassa veloce e melodie candite all’MDMA a confrontarsi con stili più ricercati come acid, techno e ambient, portati in dote da tanti maestri tra cui citiamo Hardfloor, Oliver Lieb, Pete Namlook, Patrick Lindsey (co fondatore di un’altra etichetta culto, la Kanzleramt) e gli “stranieri” Laurent Garnier e Susumu Yokota.

Hardfloor ‎– Hardtrance Acperience EP

Arpeggiators – Freedom Of Expression

Astral Pilot – Electro Acupuncture (Claude Young Rmx)

Jiri Ceiver – Trental

Yokota – Panicwaves

Cybordelics – Adventures Of Dama

Pulsation – Pulsar

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here