(A)ntiMuzak (Pablito’s Way)

0
655

In questo inizio di giugno a tratti afoso, a tratti piovoso, vi propongo tre dischi di elettronica glaciale, in grado di soddisfare anche i neuroni più esigenti.

Cubedivision – Isee (Cubedivision)

Isee” è il terzo capitolo del progetto in continua evoluzione di Massimo Araldi, questa volta affiancato dal batterista elettronico Federico Rivoli. I nove brani toccano diversi generi dell’elettronica: se l’incipit è downtempo, le altre tracce ci portano in territori technoidi/braindance caratterizzati da suoni dilatati e atmosfere spaziali da gravità zero. Una psichedelia da viaggio introspettivo, ben valorizzata dal mastering di Sigmatibet, che già curò i suoni del precedente “Terra”. Naufragare nei suoni di Cubedivision è un piacere, soprattutto in tracce come la quarta e la quinta. Il cd, in edizione rigorosamente limitata, viene spedito corredato di due stampe numerate.

Wanda & Nova Deviator – Arp 339 (Kamizdat)

Atrmosfere dark e sensuali, proclami cyberpunk, ritmiche spezzate che si inseguono in geometrie che sembrano uscire da un quadro di Escher, tutto questo in salsa elettronica. Wanda & Nova Deviator, dopo un felicissimo esordio un paio d’anni fa con “Pacification”, in “Arp 339” alzano il tiro e mettono insieme nove tracce che mescolano suggestioni idm, bass music, dance, post wave.
Con questo secondo lavoro il duo di Lubiana conferma la propria originalità e capacità di innovare, combinando ascoltabilità e ricerca con un’altissima capacità di manipolazione del suono, senza mai cadere nella banalità o nello sperimentalismo fin a se stesso. La gibsoniana “Arcologies” (traccia 4) è uno dei migliori brani di elettronica che abbia mai recensito. Non vedo l’ora di poteri vedere a Milano!

Lifecutter – Siclar (Kamizdat)

Se il punk è il rock ridotto all’osso, inserendo il cd di Lifecutter si ha l’impressioni di mordere il nocciolo dell’elettronica più radicale. Traccia dopo traccia sperimentiamo la collisione tra vari mondi musicali, rumorosi e spigolosi: industrial, noise, ambient, rumorismo, post-tekno. Musica pesantemente distorta, essenziale, rabbiosa, pessimista, cupa, senza compromessi.
Roba per palati fini, non per tutti. Mi piace molto “Axon Memory Cycle”, ultimo pezzo del cd.

Pablito El Drito

Se volete che i vosti libri vinili cd dvd fumetti siano recensiti inviatene una copia a:
Pablito c/o agenzia X
Via Ripamonti 13
20136 Milano

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here